fbpx

Tg Riabilitazione, edizione dell’8 luglio 2020

DISABILITA’ NEUROLOGICHE, INTERVENTO D’EQUIPE

Il lavoro di Rita Formisano, direttore dell’Unità Operativa Complessa Neuroriabilitazione 2 della Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma, è entrato nel vivo. Insieme al collega Daniel Kondziella, Formisano ha promosso una pubblicazione di raccomandazioni sui protocolli diagnostici per i pazienti con disordini della coscienza. “Il settore negli ultimi 15 anni sta finalmente conoscendo una forte spinta innovativa- ha dichiarato Formisano alla Dire- anche grazie all’ingresso nei protocolli di tecniche diagnostiche avanzate, come la risonanza magnetica funzionale e i potenziali evento-correlati”, e “un approccio multidisciplinare è indispensabile nella presa in carico di pazienti con cosi’ elevate necessità assistenziali”.

LA RIABILITAZIONE PER AIUTARE IL CUORE

Interventi cardiochirurgici, esiti di infarto e altre patologie cardiache invalidanti, quali lo scompenso cardiaco, richiedono una riabilitazione cardiologica per rendere più veloce il ripristino della funzionalita’ cardiaca e il successivo reinserimento psicosociale del paziente. L’agenzia di stampa Dire ne ha parlato con Massimo Cerulli, responsabile dell’Uoc di Cardiologia Riabilitativa presso l’ospedale privato accreditato Villa Pineta a Gaiato (Mo).

PARKINSON: EFFETTI DI LUNGA DURATA DALLA TERAPIA CON LEVODOPA

La durata dell’effetto della levodopa è stata oggetto di uno studio in Africa pubblicato sulla rivista scientifica ‘Brain’, che dimostra per la prima volta un miglioramento della disabilità motoria anche nelle fasi più avanzate del Parkinson. E’ stato osservato che il trattamento farmacologico determina un beneficio persistente, anche a distanza di 12 ore dall’ultima dose. A firmare lo studio i ricercatori della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson, della Fondazione Irccs Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano e del Centro Parkinson e Parkinsonismi dell’Asst Gaetano Pini-Cto in collaborazione con neurologi e altri medici locali.

APP E GIOCHI MIGLIORANO QUALITÀ VITA PERSONE CON SM

La tecnologia in aiuto delle persone con sclerosi multipla. Anche con giochi e app che possono migliorare la qualità della vita. Strumenti protagonisti nel lavoro del Centro di Riabilitazione Aism Liguria di Genova, che svolge anche attività di ricerca e formazione e per operatori sanitari.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

8 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»