Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Napoli il 14 dicembre pizze gratis in piazza del Gesù

Appuntamento con 'Napoli Pizza Village & Friends Special Edition'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il 14 dicembre la pizza sarà protagonista in piazza a Napoli per festeggiare il riconoscimento dell’Unesco all’arte dei pizzaiuoli napoletani come patrimonio immateriale dell’umanità. Dalle 11 alle 15 in piazza del Gesù si terrà ‘Napoli Pizza Village & Friends Special Edition‘ con centinaia di pizzaioli e pizze gratis per tutti.

“Quando Alfonso Pecoraro Scanio, proprio tra i tavoli del Napoli Pizza Village, annunciò l’avvio della petizione, abbiamo deciso di sostenere questa avventura, non immaginando che il percorso sarebbe stato così ricco di soddisfazioni – affermano Claudio Sebillo ed Alessandro Marinacci, ideatori ed organizzatori di Napoli Pizza Village – Siamo così orgogliosi di questa vittoria che speriamo di festeggiare con tutta Napoli lo storico risultato con un evento gratuito aperto a tutti dove protagonisti saranno ancora una volta i pizzaiuoli per i quali abbiamo ottenuto questo importante riconoscimento internazionale”. La prossima edizione del Napoli Pizza Village è in programma dall’1 al 10 giugno 2018 sul lungomare Caracciolo.

LEGGI ANCHE: La pizza napoletana è patrimonio dell’Unesco. Franceschini: “Un trionfo per Napoli e l’Italia”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»