Pd, Boccia: “Uniti con il M5s per battaglie d’equità, ma su Roma…”

Francesco Boccia
Pd e M5s "non possono non essere uniti e non possono non continuare a fare insieme le battaglie per far prevalere la qualità della vita rispetto alle ragioni del Pil"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un tema di principio che vorrei fosse collettivo: il più grande partito progressista d’Europa, che è il Partito Democratico, e il più grande movimento di massa degli ultimi 20-30 anni, che è il Movimento Cinque Stelle, non possono non essere uniti e non possono non continuare a fare insieme le battaglie per far prevalere la qualità della vita rispetto alle ragioni del Pil, a favore di un’economia più giusta, più equa e più sostenibile”. Lo ha detto Francesco Boccia, deputato e membro della segreteria del Partito Democratico con delega agli Enti locali, ospite in studio del programma ‘Gli Inascoltabili’ in onda su Nsl radio.

Su Roma l’importante è tenere insieme questo campo largo di cui Enrico Letta ha parlato. Dobbiamo mettere insieme le forze progressiste e sociali, che ci sono e sono tante. Da domani tutti coloro che vorranno candidarsi alle primarie potranno farlo. Speriamo che tutti i possibili candidati lo facciano in autonomia: non tiriamoli per la giacchetta”, dice Boccia.

“Naturalmente il Movimento 5 stelle a Roma ha la Raggi candidata, noi pensiamo che da queste primarie potrà uscire il candidato o la candidata della coalizione di centrosinistra e chi andrà al ballottaggio sono sicuro che sarà sostenuto dall’altro. Ai compagni e alle compagne del M5S- conclude Boccia- chiederemo di darci una mano, e poi di continuare a governare insieme la Regione Lazio anche in futuro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»