Insediate le Commissioni permanenti del Consiglio regionale della Basilicata

"L'undicesima legislatura si fonda su un lavoro costante e attento e sui valori della cooperazione e del confronto costruttivo di tutte le parti": ha detto il presidente del Consiglio, Carmine Cicala
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Si sono insediate oggi le quattro Commissioni permamenti del Consiglio regionale della Basilicata all’interno della riunione dell’Ufficio di presidenza guidata da Carmine Cicala.

Presidente della Prima Commissione (Affari istituzionali) è Pasquale Cariello della Lega, il vicepresidente è Marcello Pittella di Avanti Basilicata mentre il segretario è Gerardo Bellettieri di Forza Italia.

Nella Seconda Commissione (Bilancio e programmazione) è stato eletto presidente Luca Braia di Avanti Basilicata, vicepresidente è Francesco Piro di Forza Italia e segretario Dina Sileo della Lega.

Piergiorgio Quarto di Basilicata positiva, con 13 voti, è il presidente della Terza Commissione (Attività produttive e territorio), vicepresidente è Gino Giorgetti del Movimento 5 stelle mentre Vincenzo Acito di Forza Italia è segretario.

Massimo Zullino della Lega è stato eletto presidente della Quarta Commissione (Sanità) mentre vicepresidente è Carlo Trerotola di Prospettive lucane con Gerardo Bellettieri di Forza Italia segretario.

“Con l’istituzione odierna delle Commissioni permanenti, il Consiglio regionale entra nel vivo dell’attività assembleare”, ha detto il presidente del Consiglio, Carmine Cicala che ha aggiunto: “L’undicesima legislatura si fonda su un lavoro costante e attento e sui valori della cooperazione e del confronto costruttivo di tutte le parti, al fine di risolvere concretamente i problemi del territorio e ridisegnare nuove prospettive di crescita per i cittadini lucani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»