Maltempo, 228 chiamate per i Vigili del Fuoco del Friuli Venezia Giulia

La situazione dovrebbe migliorare nel corso della notte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Sono 228 le telefonate arrivate al numero unico di emergenza del Friuli Venezia Giulia e smistate ai Vigili del fuoco a seguito del maltempo che ha colpito la regione.

La Protezione civile rende noto che nelle ultime tre ore sono caduti 83 mm di pioggia a San Vito al Tagliamento (Pordenone), 74,2 mm a Valvasone (Pordenone), 67,8 a Mereto di Tomba (Udine) e 56 a Udine. Nelle ultime sei ore invece i millimetri caduti a Talmassons (Udine) sono 129,6, 89,8 a Pavia di Udine (Udine) e 84,6 a Manzano (Udine).

Durante il pomeriggio, spiega in una nota la Protezione civile, si è sviluppata una consistente linea temporalesca sulla pianura veneta che ha successivamente interessato gran parte delle zone di pianura e costa della regione. In serata sono previste ancora correnti umide ed instabili da sud ovest.

La situazione dovrebbe migliorare nel corso della notte, prima però sono previsti temporali sparsi dalla costa alle prealpi con piogge da intermittenti ad abbondanti ad intense. Sulla fascia alpina invece saranno attenuate. Sempre la Protezione civile comunica che alle 18 sono attivi ed operativi 101 volontari con 37 automezzi intervenuti per allagamenti, nella bassa friulana e nel pordenonese, soprattutto in scantinati e strade secondarie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»