hamburger menu

Il mare del Giappone non è mai stato così caldo: si temono tifoni e nubifragi

Le alte temperature del mare possono provocare precipitazioni molto forti e il rischio è l'arrivo di tifoni e nubifragi

Pubblicato:03-10-2023 10:33
Ultimo aggiornamento:03-10-2023 10:37
Canale: Ambiente
Autore:
mare giappone
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

TOKYO – Secondo quanto reso noto dall’Agenzia meteorologica giapponese (Jma) sulla base di rilevamenti condotti a partire dal 1982, le temperature della superficie del mare intorno al Giappone hanno toccato il livello record mai registrato per il mese di settembre.

LEGGI ANCHE: Continua l’incubo degli eventi estremi: 15 bombe d’acqua in 48 ore
LEGGI ANCHE: Bombe d’acqua, grandine, tempeste di vento: nel 2023 in Italia ci sono stati 500 eventi estremi

IL MARE È PIÙ CALDO DI 1,7 GRADI RISPETTO ALLA MEDIA

Si tratta del secondo record mensile consecutivo dopo quello osservato nel mese di agosto. Analizzando la superficie del mare in 10 aree marittime del Paese, Jma ha confermato un aumento delle temperature superiore a 1,7 gradi Celsius, ovvero il livello più alto mai registrato. Il massimo precedente, registrato nel 1999 e nel 2010, era stato di 0,8 gradi sopra la media.

ORA IL RISCHIO SONO TIFONI E NUBIFRAGI

Gli aumenti più rilevanti sono stati osservati a sud-est di Hokkaido e ad est dell’isola di Honshu. La principale preoccupazione espressa dall’Agenzia è quella per la quale le alte temperature della superficie del mare, aumentando la quantità di vapore acqueo, possano determinare precipitazioni molto forti e la moltiplicazione di eventi meteorologici estremi quali tifoni e nubifragi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-03T10:37:45+01:00

Ti potrebbe interessare: