A Treviso affitto scontato per gli under 40 con figli

L'obiettivo del Comune è incentivare i giovani a scegliere Treviso come città di residenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Uomini e donne sotto i 40 anni con almeno un figlio dell’età massima di 11 anni, una dichiarazione Isee compresa tra i 10 ed i 30 mila euro e nessun immobile di proprietà. Sono questi “giovani” a cui è rivolto il bando del Comune di Treviso, che assegnerà un beneficio economico pari al 20% del canone di affitto per gli appartamenti del centro storico, e al 10% per gli appartamenti fuori dalle mura ma compresi nel territorio comunale.

L’obiettivo è di “incentivare i giovani a scegliere Treviso come città di residenza, a rimettere il segno positivo davanti al tasso di natalità e a ripopolare il centro cittadino“, spiega il Comune, evidenziando che nel 2015 le morti sono state 1005, ovvero quasi il doppio delle nascite, che sono state 587, e che in città il 25,85% degli abitanti ha più di 65 anni, mentre solo il 12,45% ne ha meno di 14.

“La fotografia scattata dai nostri uffici, in particolare in centro storico, ci mostra una popolazione per lo più anziana con un tasso di natalità molto basso”, dichiara Giovanni Manildo, sindaco di Treviso. “Il nostro impegno è stato e sarà quello di lavorare per invertire questa tendenza”, perché la città “ha molto da offrire ai giovani che vogliono viverla, mettere su famiglia e lavorare per questo territorio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»