Napoli. Città della Scienza riprende corpo con “Corporea”

NAPOLI - A Napoli il prossimo venerdi' 4 marzo, nella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

corporeaNAPOLI – A Napoli il prossimo venerdi’ 4 marzo, nella data simbolo del terzo anniversario dell’incendio doloso che distrusse il Science Centre di Citta’ della Scienza, sara’ presentato Corporea, il primo museo interattivo in Europa interamente dedicato al tema della salute, delle scienze e tecnologie biomedicali e della prevenzione, basato sulla sperimentazione diretta dei fenomeni da parte dei visitatori.
Alle 16.30 sara’ inaugurata la struttura architettonica che da dicembre 2016 ospitera’ il museo. Presenti alla cerimonia il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Claudio De Vincenti, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ed il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.
Dopo il taglio del nastro, in programma la presentazione del film ”MYItaly” da parte del regista Bruno Colella, la performance pittorica dell”artista americano Mark Kostabi con l’accompagnamento del musicista Tony Esposito e un racconto del musicista Eugenio Bennato sulla ”sua” Bagnoli.
La serata continuera” alle 20.30 con un concerto gratuito. Ospiti: Lello Savonardo, Claudia Megre”, Mariano Bellopede, Yiki Pinda Rawelgue e Rete co”mar. L”evento culminera” nella performance di Eugenico Bennato con Carlo D”Angio” e Pietra Montecorvino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»