Mediterranea sfida Salvini e torna in mare: “1500 morti dall’inizio del 2019, non vogliono testimoni”

Casarini annuncia il ritorno in mare della Ong con una nave battente bandiera italiana. E anche Greenpeace si schiera con Carola Rackete
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dall’inizio del 2019 sono oltre 1.500 i morti nel Mediterraneo centrale: a trasformare questo nostro mare in una fosse comune. Noi non ci stiamo e vogliamo andare lì, denunciare quello che accade e, se possiamo, aiutare chi ha bisogno”. Così Luca Casarini, capo missione della ong ‘Mediterranea’, a margine di una conferenza stampa convocata a bordo della nave ‘Rainbow Warrior’ di Greenpeace, ancorata al porto di Palermo.

“A brevissimo- annncia Casarini- questione di ore, al massimo un giorno, torneremo in mare con una imbarcazione battente bandiera italiana”.

Secondo Casarini “questa è la migliore risposta a chi ha fatto una guerra contro chi salva le persone”.

Casarini ha ricordato che la nave ‘Mare Ionio’ di Mediterranea “è sotto sequestro a Licata per avere salvato cinquanta persone tra cui – ha aggiunto – una bambina di due anni che ora sta bene e vive con la sua famiglia”.

CASARINI: NON VOGLIONO TESTIMONI NEL MEDITERRANEO

“Le testimonianze, il monitoraggio, l’essere lì dove c’è bisogno di aiuto: questo è il nodo fondamentale, il motivo della criminalizzazione. Non vogliono testimoni di fronte a una tragedia che si sta compiendo nel Mediterraneo centrale e non li vogliono perchè loro sanno tutto. Sanno quando affondano e quanti annegano”. Ad affermarlo è Luca Casarini, capo missione di ‘Mediterranea’, a margine di una conferenza stampa a Palermo.

LEGGI ANCHE:

Sea Watch, Orlando: “Denuncio Salvini, ha creato lui lo stato di necessità”

La fake news del pranzo di pesce sulla Sea Watch, Fratoianni svela il fotomontaggio

Sea Watch, Saviano: “Negli insulti a Carola c’è un senso di inferiorità sessuale”

GREENPEACE: NO A CRIMINALIZZAZIONE CAPITANO

“Non è possibile assistere a un tentativo di criminalizzazione di chi non fa altro che il proprio dovere: salvare vite umane. Carola Rackete (capitano della Sea Watch 3, ndr) ha tutta la nostra solidarietà. L’Italia e l’Europa hanno una grande responsabilità”. Lo ha detto, Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo Greenpeace Italia, nel corso di una conferenza stampa a bordo della nave ‘Rainbow Warrior’ della Ong, ancorata al porto di Palermo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»