Dalla Regione Lazio 9 milioni di euro per sistemi antifumo in 20 ospedali

zingaretti_d'amato

ROMA – Nove milioni di euro per ampliare e completare i sistemi antifumo e antincendio in 20 ospedali del Lazio. Questo il contenuto di un atto firmato nei giorni scorsi dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e presentato oggi in conferenza stampa.

Di questi 9 milioni, la metà va alle strutture di Roma: ospedale S. Spirito (403.500euro); S. Eugenio (733mila euro); ospedale Grassi (950mila euro); Cpo (Ostia) (162.383 euro); S. Camillo (725.140 euro); S. Giovanni (885.012 euro); Policlinico S. Andrea (600mila euro). L’altra metà all’Area metropolitana: ospedale San Paolo di Civitavecchia (262.121euro); ospedale Tivoli (236.250 euro); ospedale Subiaco (147.619 euro); P.O. Frascati (325.740 euro); ospedale Anzio (156.160,00 euro) e alle province del Lazio: ospedale Belcolle (543.006 euro); ospedale Tarquinia (146.741 euro); De Lellis Rieti (601.564 euro); ospedale Latina S Maria Goretti (597.517 euro); Polo Latina centro Terracina – Fondi (403.478 euro); ospedale di Formia (395.113 euro); Polo Frosinone Alatri (282.867 euro); ospedale di Sora (Fr) (367.308 euro).

“Il programma di adeguamento alla normativa antincendio dei presidi sanitari del Lazio rappresenta un nuovo tassello di quel più ampio processo di investimenti a favore della sanità del Lazio finalizzato a rinnovare, ammodernare e rendere maggiormente sicuri i plessi che ospitano i grandi ospedali del nostro territorio- ha detto il responsabile della Cabina di regia della sanità, Alessio D’Amato- un processo avviato dalla Giunta Zingaretti in questi mesi di stallo”. Il provvedimento nasce dopo che gli uffici competenti della Regione Lazio hanno effettuato un articolato monitoraggio sui presidi sanitari, evidenziando il fatto che un numero rilevante di strutture presentasse la necessità di interventi sui sistemi antincendio e di adeguamento alle più recenti normative sulla sicurezza.

23 Feb 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»