Lazio

Eur, l’Inail acquista 4 palazzi storici (per 297.500.000 euro)

ROMA – L’Inail ha concluso l’acquisto di quattro immobili siti in Roma facenti parte del patrimonio di Eur S.p.A. Si tratta di: Palazzo della Scienza universale; Palazzo delle Arti e tradizioni popolari; Palazzo dell’Archivio centrale di Stato; Palazzo della Polizia scientifica.

eur_palazzo_archivio_stato

Il prezzo dell’acquisizione è stato fissato in 297.500.000 euro. L’investimento è pienamente in linea col piano triennale degli investimenti Inail per il periodo 2015/2017 ed è stato realizzato ai sensi dell’articolo 8, comma 4, del decreto legge n. 78/2010, convertito dalla legge n. 122/2010, che prevede la possibilità per gli enti previdenziali di acquistare immobili adibiti a ufficio in locazione passiva alle pubbliche amministrazioni, secondo le indicazioni fornite dall’Agenzia del Demanio.

Gli immobili oggetto di acquisizione sono di grande prestigio e al loro interno sono ubicati alcuni fra i musei più interessanti di Roma, quali il museo Pigorini, il museo dell’Alto medioevo e il museo delle Arti popolari. La superficie commerciale complessiva dei quattro immobili è di 93.310 mq, locata per la maggior parte al Mibact, al ministero dell’Interno e ad altre pubbliche amministrazioni. Il rendimento derivante dalle locazioni – ottimale, assicurato e continuativo nel tempo – concorre a garantire le riserve tecniche necessarie alla copertura degli oneri futuri sostenuti dall’Istituto (pagamento delle rendite).

L’acquisizione da parte di Inail persegue l’ulteriore obiettivo di consentire ai quattro immobili di pregio di rimanere in mano pubblica. Ai fini della loro valorizzazione l’Istituto ha previsto la realizzazione di importanti interventi di riqualificazione, relativi in particolare al Palazzo dell’Archivio centrale di Stato. Nell’ambito della stessa linea di investimenti l’Inail procederà, nei prossimi giorni, all’acquisto dell’immobile di via Giorgio Ribotta 5, sede del ministero della Salute, per un importo pari a 126.000.000 euro.

22 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»