‘Mpasta, ecco l’inno al casatiello di Ciccio Merolla

Il videoclip di 'Mpasta e' firmato alla regia da Luciano Filangieri ed e' disponibile da domani sulle piattaforme social di Merolla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Celebra il casatiello (torta salata tipica della tradizione gastronomica partenopea a Pasqua, ndr) il nuovo brano di Ciccio Merolla ‘Mpasta, ovvero “impasta”. La tradizione vuole che il lievitato sia preparato nel giorno del venerdi’ santo, per essere poi gustato durante il pic-nic di pasquetta. E forte e’ il simbolismo dei suoi ingredienti, come l’uovo sodo all’interno dell’impasto e ben visibile sulla sua superficie che rappresenta la rinascita e che non puo’ mancare a Pasqua sulle tavole dei napoletani.

Il percussautore e cantante, per il suo augurio in musica, si serve del racconto ironico di quello che e’ un rito che si perpetua nelle cucine all’ombra del Vesuvio: inizia dall’impasto e arriva all’assaggio, che avviene in occasione di convivialita’ e che permette di gustare la molteplicita’ degli ingredienti dell’impasto stesso, metafora della ricchezza culturale che avviene attraverso l’incontro di popoli e di culture diverse.

Il brano, il cui testo e’ scritto da Ciccio Merolla, e’ un adattamento in lingua napoletana di “Mustt Mustt” di Nusrat Fateh Ali Khan, cantante e musicista pakistano, scomparso nel 1997, che detiene il record mondiale per il maggior numero di dischi pubblicato da un artista Qawwali, la musica religiosa tipica del sufismo del subcontinente indiano.

“Mustt Mustt” e’ anche un brano contenuto nell’omonimo album pubblicato dall’etichetta discografica di Peter Gabriel Real World Record e portato alla ribalta nella famosa cover dei Massive Attack.

Il videoclip di ‘Mpasta e’ firmato alla regia da Luciano Filangieri ed e’ disponibile da domani sulle piattaforme social di Merolla. Il brano puo’ invece essere ascoltato, da subito e gratuitamente, attraverso il codice QR apposto sulla cover del singolo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»