Usa, 16 Stati fanno causa a Trump per la decisione sul muro con il Messico: “E’ abuso di potere”

Nel documento che costituisce la base del ricorso si denuncia "un abuso dei poteri presidenziali".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sedici Stati americani, guidati dalla California, hanno avviato una causa nei confronti dell’amministrazione di Donald Trump per la decisione di dichiarare un’emergenza nazionale con l’obiettivo di finanziare la costruzione del muro al confine con il Messico bypassando il Congresso.

Nel documento che costituisce la base del ricorso si denuncia “un abuso dei poteri presidenziali”. Secondo l’attorney general della California, Xavier Becerra, lo stato di emergenza proclamato da Trump è per altro “incostituzionale”.

Gli Stati, Colorado, Connecticut, Delaware, Hawaii, Illinois, Maine, Maryland, Minnesota, Nevada, New Jersey, New Mexico, New York, Oregon, Virginia e Michigan, oltre alla California, denunciano le conseguenze negative derivanti per i propri cittadini dalla distrazione dei fondi pubblici per il muro.

Ad annunciare un’azione legale contro il provvedimento di Trump era stata già venerdì l’American Civil Liberties Union (Aclu), associazione storica per la difesa dei diritti civili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»