Lombardia

Elezioni, Pisapia stasera al vertice arancione

pisapiaMILANO – I tormenti arancioni stanno per terminare. Dopo il perentorio invito dell’altro giorno a varare un centrosinistra “a tre gambe”, ci sarà Giuliano Pisapia in persona questa sera a vigilare sull’esito di “Andiamo avanti“, l’assemblea che si terrà questa sera a palazzo Marino con Sel, Verdi e comitati civici per sancire il definitivo appoggio alla candidatura di Beppe Sala. La via d’uscita è una sola dopo le parole del sindaco all’inaugurazione del giardino per Franca Rame. La nascita della lista arancione che potrebbe avere come capolista Paolo Limonta, il maestro elementare che cinque anni fa fondò i comitati per Milano che portarono alla vittoria il centrosinistra contro Letizia Moratti. Un’esperienza che nonostante il passo indietro di Francesca Balzani Sel non ha intenzione di interrompere. “Molto è stato fatto, la città è cambiata in meglio- spiega alla ‘Dire’ il consigliere di Sel a Palazzo Marino, l’avvocato Mirko Mazzali– ma occorre completare quello che non è finito e ripartire con coraggio ancora maggiore per provare ad innovare ancora di più Milano”.

giuseppe-sala“Nonostante l’uscita di scena di Francesca Balzani- racconta l’esponente dei Verdi Enrico Fedrighini- sono fiducioso che si possa giungere a un accordo, a patto che, come diciamo da tempo, si faccia chiarezza sui programmi”. Secondo l’ex consigliere verde, “si è capito che le possibilità di vittoria in queste amministrative passano attraverso la chiarezza di programmi”, e “se non si fa in fretta quello che porta alla vittoria sarà un percorso irto di difficoltà”. “Stasera– dice ancora Mazzali- iniziamo a discuterne tutti insieme, perché alla nostra città non ci rinunciamo“. Oltre a Limonta nella lista arancione potrebbero trovare posto il direttore del Museo della Scienza Fiorenzo Galli, e l’ex presidente della Compagnia delle Opere Massimo Ferlini.

di Nicola Mente, giornalista

18 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»