ApprofonDiRE

Disabili, ecco la carrozzina che si guida senza mani. Ed è caccia agli investitori


BOLOGNA – Una carrozzina a due ruote che si muove con il movimento del corpo senza usare le mani e per abbattere le barriere. É stata presentata a Bologna, nella sede di Liberlab, aprendo la campagna di crowdfunding a caccia di potenziali investitori. Si chiama “MarioWay” e promette di cambiare “radicalmente” la vita delle persone con disabilità. Basta infatti un movimento del corpo in avanti per farla partire, e a destra o a sinistra per curvare, lasciando la persona completamente libera di utilizzare le mani.

Esattamente quello che facciamo quando camminiamo– spiega Mario Vigentini, ideatore del mezzo e amministratore delegato dell’omonima startup, che ha lavorato per 20 anni come operatore sociale- MarioWay è stato concepito per restituire alla persona quell’equilibrio che consente i movimenti del camminamento“.

Un funzionamento che ricorda quello del più diffuso Segway, in uso anche alle forze dell’ordine, su cui appunto si basa l’architettura del veicolo. Un’altra caratteristica importante riguarda la possibilità di “verticalizzare in maniera ergonomica” la persona con disabilità, grazie alla seduta regolabile verso l’alto, eliminando così la cosiddetta “asimmetria relazionale”, ovvero la tradizionale visuale dal basso verso l’alto con un interlocutore normodotato, portandolo alla sua altezza.

L’obiettivo della startup, prosegue Vigentini, è di ottenere finanziamenti per attivare il processo di industrializzazione del veicolo e abbattere i costi di produzione. Per il momento infatti la lavorazione è “molto pregiata, ma artigianale, e ha costi abbastanza alti”. Per questo è stata lanciata la campagna di crowdfunding sulla piattaforma Next Equity per consentire di abbassare il prezzo finale del mezzo, stimato intorno ai 12.000 euro.

di Davide Landi, giornalista

16 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»