San Marino

Editoria, Efj con Usgi: Sul Titano cause abnormi

sanMarino_piazza_libertaSAN MARINO – La Federazione europea dei giornalisti, Efj, si unisce a Usgi, sua affiliata sammarinese, nel denunciare il tentativo di censurare i giornalisti a San Marino. La principale organizzazione di giornalisti in Europa, che rappresenta 320 mila professionisti dell’informazione in 43 Paesi e a cui è affiliata anche la Fnsi italiana, raccoglie e rilancia quindi il grido di allarme di Usgi, associazione che riunisce giornalisti e fotoreporter di San Marino. “Nel corso dell’anno 2016- riferisce infatti Efj dal suo portale- due cause civili sono stati intentate nei confronti di giornalisti associati Usgi, con richieste di risarcimento danni per articoli considerati lesivi per l’immagine del ricorrente”. In particolare, Efj fa riferimento a due cause civili- una con richiesta danni di 250 mila euro, l’altra con richiesta danni da 300 mila euro- portate avanti “da un noto avvocato che ha una posizione di leader nel mondo bancario e finanziario sammarinese”.

L’organismo europeo fa così da portavoce dell’Usgi che lo scorso novembre ha inviato una lettera ad Efj per denunciare la spoporzione del risarcimento danni richiesto da cause civili nei confronti dei mezzi di informazione locali che in questo modo si configurano “come delle vere e proprie ingerenze e lesioni del diritto di espressione e di cronaca”. Non solo, “risultano vessazioni ancor più gravi- prosegue la lettera di Usgi a Efj- se si considerano le cariche pubbliche e quindi influenti, ricoperte dai soggetti attori della vicenda”. Infatti, Usgi punta il dito in particolare contro chi ha intentato le due cause citate nei confronti di testate sammarinesi che è, come chiarisce l’associazione, il neo presidente dell’Associazione bancaria sammarinese, ovvero Matteo Mularoni. Infine, Efj fa notare come già il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa abbia fatto alcune raccomandazioni sulla libertà dei media a San Marino.

14 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»