Umbria

Infanzia, il 15 aprile seminario “Bambini, vittime e testimoni”

tv_bambiniPERUGIA – Venerdì 15 aprile, alle ore 15, presso la Sala della partecipazione di Palazzo Cesaroni a Perugia, si terrà un seminario dal titolo “Bambini vittime e testimoni” sul tema dell’audizione protetta dei minori. Il seminario nasce dalla collaborazione tra il Garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza Maria Pia Serlupini, l’associazione di promozione sociale Altre Destinazioni e con il supporto tecnico della Scuola Umbra di Amministrazione Villa Umbra.

   “Il convegno – si legge in una nota del Garante per l’Infanzia – propone di approfondire le tematiche legate all’utilizzo, in ambito forense, di strumenti, generati per un determinato uso, che vengono poi utilizzati per uno scopo diverso da quello per cui sono stati validati permettendo che rimangano in vita in nicchie culturali resistenti alle necessità dell’aggiornamento e di acquisire le conoscenze più accreditate e aggiornate in materia. Questo rischia di svilire il contributo fornito dal consulente alla formazione della prova mentre per fornire al giudice un contributo realmente utilizzabile è necessario sviluppare la pratica psicologico-forense e applicare un metodo che sia condiviso, razionale e basato sulle evidenze scientifiche”.
Dopo gli interventi introduttivi di Maria Pia Serlupini, Garante regionale dell’Infanzia e dell’adolescenza e della presidente dell’associazione Altre Destinazioni Luciana Silvestris la giornata ruoterà intorno alle relazioni che verranno presentate da Carla Pansini, docente di diritto processuale penale presso il dipartimento di Giurisprudenza dell’Università Parthenope di Napoli, Giovanni Battista Camerini, neuropsichiatra infantile e psichiatra, docente di psichiatria forense dell’infanzia e dell’adolescenza nei Master presso le Università di Padova, di Roma “la Sapienza” e Pontificia Salesiana (Mestre) e Carlo Barbieri, psicologo, psicoterapeuta, Direttore Capo della Polizia di stato, Questura di Bologna.
13 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»