VIDEO | Il razzismo smontato dall'ironia dei bambini - DIRE.it

VIDEO | Il razzismo smontato dall’ironia dei bambini

Ecco la nuova campagna #IntegrAction, presentata a Milano. L'obiettivo è contrastare rappresentazioni discriminanti degli stranieri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Con un video in cui i bambini “smontano” stereotipi razzisti sugli immigrati, inizia oggi la nuova campagna #IntegrAction, presentata questa mattina a Palazzo Marino, a Milano, e lanciata in queste ore sui social network (Facebook, Twitter e Istagram). L’iniziativa rientra  nel progetto “Le nostre città invisibili-Incontri e nuove narrazioni del mondo in città” guidato da Acra, promosso da Fondazione Pubblicità Progresso e co-finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione. L’obiettivo è contrastare rappresentazioni discriminanti degli stranieri e della diversità culturale, per promuovere invece integrazione e  coesione sociale. “Questa campagna di sensibilizzazione usa il linguaggio della fresca ironia che nasce dalla spontaneità dei bambini, che per loro natura non hanno pregiudizi nei confronti di chi è apparentemente diverso”, spiega Alberto Contri, presidente della Fondazione Pubblicità Progresso, ringraziando il supporto scientifico di Fondazione Ismu, e Bedeschi Film e Acqua Group per la realizzazione artistica del filmato.

“La campagna è rivolta ai giovani ma non solo, il nostro obiettivo è far riflettere l’intera opinione pubblica sulla necessità di imparare a vivere in una società in cui le diverse identità culturali coabitano e si arricchiscono a vicenda”, afferma Valentina Rizzi, responsabile del programma Italia-Europa di Acra, che sottolinea la necessità di “ridare il valore corretto alle parole innazittutto partendo dalla voce di chi non ha pregiudizi, ovvero i bambini”.



A mettere in guardia sugli effetti negativi di una comunicazione “che alimenta paura e rancore” è l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, che parla di “fase storica in cui speranza e fiducia sono messe in discussione” anche dal linguaggio della politica. 

“Non ho rispetto per chi odia, ma ho molto rispetto per chi ha paura, magari nel proprio quartiere o attraversando una parte insicura della propria città- dichiara Majorino parlando con i giornalisti- credo che le istituzioni verso chi ha paura non debbano minimizzare ma agire con azioni di legalità, messaggi positivi e occasioni di incontro, perché- conclude- la paura nasce anche dalla scarsa conoscenza dell’altro. A Milano sono oggi residenti 265.000 persone di origine straniera, che sono parte totalmente attiva della nostra città”.

di Francesca Morandi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»