Roma, sospesa maestra indagata per maltrattamenti verso gli alunni

L’indagata maltrattava abitualmente i minori con vessazioni psicologiche e fisiche altamente mortificanti.

ROMA – Nella mattinata odierna, presso la scuola dell’infanzia comunale ‘Pescaglia’ sita nell’omonima via del quartiere Magliana, i Carabinieri della Stazione Roma – Villa Bonelli, a conclusione di attività d’indagine, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della sospensione dall’esercizio del pubblico servizio, emessa dal Tribunale di Roma nei confronti di un insegnante del predetto istituto scolastico per il reato di maltrattamenti in famiglia aggravato nei confronti dei minori a loro affidati. Il provvedimento cautelare è stato emesso dal Gip del Tribunale di Roma Dott.ssa Elisabetta Pierazzi al termine di una complessa attività d’indagine diretta dal pool della Procura della Repubblica coordinato da Maria Monteleone.

Secondo quanto accertato attraverso un sistema di intercettazione ambientale audio-video installato nell’aula della sezione ‘Tempo Pieno’ ove si svolgevano le attività scolastiche dei bambini di età compresa tra i tre e i cinque anni, l’indagata maltrattava abitualmente i minori con vessazioni psicologiche e fisiche altamente mortificanti. Le indagini hanno permesso di constatare diversi episodi di violenza che l’insegnante compiva, quotidianamente, nei confronti dei piccoli allievi: sculacciate, schiaffi, il ricorso abitale ad urla per rimproverare i bambini e all’utilizzo di punizioni mortificanti.

Le condotte contestate, piuttosto frequenti, avevano creato un vero clima di tensione certamente incompatibile con le finalità educative e in grado di ledere l’integrità e la serenità dei bambini che, mostrando un evidente stato di disagio ed assumendo comportamenti anomali, avevano messo in allarme i genitori che si sono subito rivolti ai Carabinieri.

Leggi anche:

10 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»