AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE CINEMA

“Ammore e Malavita”, la Napoli dei Manetti Bros dal 5 ottobre al cinema

ROMA – Arriva il 5 ottobre al cinema “Ammore e Malavita”, il nuovo attesissimo film dei Manetti Bros. A quattro anni da “Song’ e Napule” i due fratelli romani tornano a raccontare la città partenopea con il loro stile unico, sfornando un film difficilmente ascrivibile ad un genere specifico. Action-commedy ma non solo, ad insaporire il piatto cinematografico preparato a puntino dai Manetti arriva la musica, tanto che il film è sicuramente (anche) un musical.

La definizione però più pertinente di quest’opera è quella che ne ha dato Giampaolo Morelli, (Ciro in “Ammore e Malavita”), che lo ha definitoUna sceneggiata napoletana in chiave moderna”, mentre il suo personaggio “è una via di mezzo tra John Travolta e Mario Merola”.

E Napoli è di certo la protagonista di questo film, con i suoi lati oscuri messi in bella mostra e parodiati (ma senza cadere nel cliché). Dove la malavita c’è ma sa cos’è l’amore, dove si intravede una luce (di speranza) alla fine del tunnel.

Leggi anche ‘Song’ e Napule’, la commedia-poliziesca dei Manetti Bros

Un film che prende in giro la realtà e se stesso, giocando con gli stereotipi, con quello humor fuori dalle righe a cui i Manetti Bros. ci hanno abituato con “Song’ e Napule”. Tanti quindi i fili conduttori che collegano le due ‘pellicole partenopee’, che, oltre i temi e il linguaggio cinematografico, condividono anche molti interpreti. In “Ammore e Malavita” oltre a Giampaolo Morelli- attore feticcio dei Manetti, che nel film interpreta il gangster Ciro- ritroveremo anche Serena Rossi, nei panni di Fatima, la giovane infermiera primo amore di Ciro/Morelli.

Direttamente da “Song’ e Napule” anche Carlo Buccirosso, che da questore si trasforma nel boss camorrista don Vincenzo. A fianco a lui, nel ruolo dell’astuta moglie donna Maria, la new entry Claudia Gerini.

Presentato con grande successo all’ultima edizione del Festival del cinema di Venezia, “Ammore e malavita” sembra quindi avere tutte le carte in regola per conquistare, dopo il consenso della critica, anche quello del grande pubblico.

La trama

Il boss camorrista don Vincenzo (Carlo Buccirosso), sotto suggerimento della moglie donna, Maria (Claudia Gerini) decide di inscenare la sua morte, per ricominciare una nuova vita lontano insieme alla sua metà. A condividere il segreto di don Vincenzo i fedeli scagnozzi Ciro (Giampaolo Morelli) e Rosario (Raiz), ma non solo: durante il finto omicidio Fatima (Serena Rossi), una giovane infermiera, diventerà testimone scomoda dell’evento. Ciro verrà quindi incaricato dal boss di eliminarla. L’incontro tra i due giovani non andrà però come previsto: entrambi riconosceranno nell’altro l’amore della propria adolescenza. Ciro deciderà quindi di seguire il cuore, mettendosi contro la volontà del suo capo e rischiando il tutto per tutto sfidando la malavita locale.

 

04 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988