Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rossi, aggredito con secchio di letame, replica con humor

Il presidente della regione Toscana, commenta l'accaduto: "Non mi fermeranno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

enrico rossi

ROMA – Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e’ stato aggredito ieri sera, nel corso della presentazione del suo libro ‘Rivoluzione socialista’ alla festa dell’Unita’ di San Miniato, in provincia di Pisa. Lo stesso Rossi racconta su facebook l’accaduto. “Sono stato aggredito da un violento alla festa dell’Unità di San Miniato: mi ha scaricato addosso un secchio di letame. Mi sono lavato e rivestito con abiti prestati dai compagni e ho ripreso il dibattito in altro luogo della festa, che purtroppo era disturbato dalla musica del ballo. Se pensano di fermarmi così si sbagliano di grosso.

Ai compagni di San Miniato dico che ci rivedremo a settembre per discutere insieme il mio libro ‘rivoluzione socialista’”. Rossi non si e’ perso d’animo. E sul social network sfoggia la consueta ironia. L’amico di facebook Beppe Ferrara, gli ricorda che “un gesto che pure puo’ avere una ragione importante diventa ignobile quando sfocia sul ‘personale’ e si allontana dalla dialettica”. Si tratta, osserva Ferrara, di “un gesto da condannare. E un ‘segnale’ da ascoltare”. “Anche da annusare…”, commenta il presidente della Toscana.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»