Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sottosegretario Vicari avvisa i lavoratori Ilva: “Non dare immagine di contrarietà”

FIRENZE -  "Capisco gli scioperi di Genova, capisco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Genova_Ilva6

FIRENZE –  “Capisco gli scioperi di Genova, capisco la tensione ma in questo momento i lavoratori, nel loro interesse e anche nell’interesse del sindacato, dovrebbero comprendere che ogni battaglia si fa al momento opportuno”. Lo ha detto Simona Vicari, sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, a margine di “Start City”, il convegno sulle Città metropolitane in corso a Firenze. “In questo momento- continua- l’interesse del Paese e di migliaia di occupati è quello di rimanere aperti. Allora abbassiamo un attimo i toni”. Facendo riferimento al bando per la vendita o l’affitto dell’Ilva, Vicari insiste: “Ritengo che sia una grande occasione, però, come sistema Paese, non dobbiamo dare un’immagine di avversità o di contrarietà. La tensione deve essere minore, dobbiamo dare più serenità e certezze alle imprese che, se dovessero fare un passo di questo tipo, hanno bisogno di questo tipo di supporto. Altrimenti se poi vanno via dall’Italia e vanno altrove poi non possiamo piangerci addosso“. Il Governo, chiude il sottosegretario, “ha fatto di tutto per non chiudere questo insediamento produttivo, per rilanciare la nostra manifattura, che in Europa ha dato un po’ di fastidio ad altri concorrenti”.

Di Diego Giorgi – Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»