Al via la campagna in sostegno della giornalista minacciata Marilù Mastrogiovanni

A lanciarla la Fondazione Pangea Onlus. Mastrogiovanni ha condotto una complessa inchiesta investigativa sulla mafia salentina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si apre domani, 22 ottobre, il processo contro i tre uomini che hanno minacciato la giornalista Marilù Mastrogiovanni a seguito della pubblicazione di una complessa inchiesta investigativa sulla mafia salentina, pubblicata a sua firma sul giornale che ha fondato e che dirige, il Tacco d’Italia con cui ha condotto importanti inchieste.

campagna marilù mastrogiovanniDa allora Marilù, è stata messa sotto protezione per le gravi minacce subite tanto da dover cambiare casa e città. Nello stesso procedimento, però, Marilù è parte offesa e imputata. Una scelta procedimentale tuttavia, che mette sullo stesso piano vittima e carnefice. Per sostenere Marilù, Fondazione Pangea Onlus lancia la campagna di solidarietà social #IoStoconMarilù.

“La giornalista- afferma in una nota stampa Simona Lanzoni, vicepresidente di Fondazione Pangea Onlus e coordinatrice della rete antiviolenza Reama- è da 15 anni bersaglio di frasi d’odio, volgari e sessiste veicolate anche attraverso i social e oggetto di una campagna di diffamazione e di intimidazione, in quanto donna che ha fatto sentire la sua presenza nel mondo dell’informazione. Oggi però la giornalista Marilù Mastrogiovanni non è sola e alla vigilia del processo, abbiamo voluto lanciare la campagna mediatica di informazione e di sensibilizzazione #iostoconMarilù che invitiamo tutte e tutti a rendere virale. Questo per difendere anche il diritto di informazione“, conclude Lanzoni.

Il processo che prenderà il via domani, vedrà al suo fianco oltre a Fondazione Pangea Onlus-Rete Reama, la Consigliera regionale di Parità della regione Puglia, le associazioni nazionali e regionali, l’Udi-Unione donne d’Italia e Giraffa Onlus, che si costituiranno parte civile. Solidarietà arriva dal centro antiviolenza Renata Fonte di Lecce da sempre vicina a Marilù e alle istanze di legalità del territorio.

Per partecipare alla campagna si può condividere questo appello, aggiornare l’immagine di profilo Facebook con la grafica #iostoconmarilù, twittare l’immagine della campagna #iostoconmarilù e su Instagram postare l’immagine della campagna #iostoconmarilù.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»