Orfini lancia #ripuliamofacebook: “Bugie e falsità contro il Pd, ora basta”

ROMA - "Ora davvero si è passato il segno: non che mi aspettassi molto da loro, ma speravo che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ora davvero si è passato il segno: non che mi aspettassi molto da loro, ma speravo che almeno di fronte alla morte e al dolore si fermassero. E invece no, lo schema è quello di sempre: Di Maio e Salvini aggrediscono il Pd con bugie e falsità e una potente macchina del fango si muove sui social. Pagine non ufficiali creano, amplificano, rilanciano notizie false e accuse violentissime”. Così su Facebook Matteo Orfini, presidente del Pd.

“Ora basta- continua- questa volta denunceremo tutto: dai leader che ci hanno accusato con falsità alle pagine e ai profili che hanno diffuso contenuti diffamatori. Segnaleremo ogni caso a seconda della gravità a Facebook, all’Agcom, alla Polizia postale. Uno per uno. Ma abbiamo bisogno del vostro aiuto: segnalateci tutti gli abusi che trovate qui su Facebook, aiutateci a rendere ancor più capillare questo lavoro”.

“Se potete usate questo modulo https://goo.gl/forms/cac2tdCEIGOlSh692 e inoltrateci lo screenshot (meglio del link perché non possono rimuoverlo). Non risolveremo certo così il problema, ma cominceremo a combatterlo davvero. Non lasciamo che questi cialtroni continuino a inquinare il dibattito pubblico. #ripuliamofacebook dalle fake news”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»