Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Africa, nasce a Roma l’alleanza per la pesca

Oggi a Roma il forum 'Opportunità di partenariato nel settore della pesca nell'Africa occidentale' organizzato da Unido Itpo Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La pesca nell’Africa occidentale impiega tre milioni di persone a tempo pieno, pari al 10 per cento della popolazione attiva, per lo più nel settore della pesca artigianale. Sfruttare il potenziale di uno dei più importanti settori strategici della regione e combattere la pesca illegale significa non solo creare sviluppo economico ma anche migliorare il benessere delle comunità, sconfiggendo la povertà e favorendo l’empowerment femminile. Per questo Unido Itpo Italia (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale) ha organizzato oggi a Roma il forum ‘Opportunità di partenariato nel settore della pesca nell’Africa occidentale’. L’obiettivo è illustrare le opportunità che il settore ittico offre in quattro Paesi dell’area: Mauritania, Senegal, Costa d’Avorio e Guinea. Come è emerso dall’incontro, la filiera produttiva in questi Paesi non è sufficientemente sviluppata a causa della mancanza di tecnologie e del rispetto degli standard sanitari e fitosanitari (Sps), tra cui ad esempio la catena del freddo. Come spiega Diana Battaggia, direttore Unido Itpo Italia, l’obiettivo dell’Organizzazione è avviare un partenariato tra questi quattro Paesi – e soprattutto per coloro che sono impiegati nella pesca artigianale – che aumenti del 30 per cento l’accesso ai mercati regionali e internazionali, incoraggiando gli investimenti e creando una sinergia coi paesi dell’Ue e dell’Italia in particolare. Il nostro Paese “è un modello nel settore – spiega ancora Battaggia – per tecniche di pesca e poi nella filiera: trasformazione del pescato, imballaggio, conservazione, rispetto degli standard Sps, apparecchiature tecnologiche, manutenzione delle imbarcazioni e cosi via”. Tutte competenze che possono essere condivise per migliorare la produzione e la qualità dei prodotti.

Curando il settore, prosegue la rappresentante Unido, non solo “si incoraggia lo sviluppo economico, acquisendo valuta estera e riducendo il deficit”, ma si incoraggia anche l’adozione di “quelle ‘buone pratiche’ che favoriscono sicurezza alimentare, sicurezza sul lavoro, l’igiene e la qualita’ del cibo, lo sfruttamento sostenibile e il rispetto dell’ambiente: tutti punti dell’Agenda Onu 2015-2030 sui nuovi Obiettivi di sviluppo del Millennio”. A Battaggia fa eco Stefania Marcone, responsabile Relazioni internazionali e politiche europee di Legacoop: “Migliorare le attivita’ di cattura e della filiera ittica in questi Paesi sconfiggendo la pesca illegale, produrrebbe 300 mila nuovi posti di lavoro, con un impatto incredibilmente positivo sulla condizione delle donne e il contrasto alla povertà”. Solo in Guinea ad esempio ben 12.653 donne lavorano nel settore, in netta maggioranza rispetto agli uomini. L’Unido – in collaborazione con le istituzioni locali, le comunità, i privati e gli organismi internazionali e della società civile – ha già avviato un progetto di 24 mesi da un milione e duecentomila dollari nella regione, che coinvolge 700 persone impiegate nella pesca artigianale, a cui viene fornita una formazione specializzata, mentre altre 400 imprese vengono sensibilizzate sulle opportunità di scambio coi Paesi europei. Legacoop – che ha collaborato all’organizzazione dall’evento – è un’associazione di oltre 15 mila imprese cooperative in tutti i settori per creare sviluppo, inclusione finanziaria e resilienza delle comunità. All’incontro di oggi hanno partecipato esponenti dei governi dei Paesi coinvolti nonchè dell’imprenditoria e della società civile, come l’ong Halieus.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»