Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vulcano sottomarino erutta nel Pacifico, Tonga colpita da uno tsunami

Gli abitanti degli arcipelaghi sono stati esortati ad allontanarsi dalla spiagge e più in generale dalla costa.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A seguito dell’eruzione di un vulcano sottomarino le onde di uno tsunami si sono abbattute sulle coste delle isola Tonga, Paese insulare nel cuore dell’Oceano Pacifico, distruggendo case, costruzioni e anche una chiesa. Lo riferisce il quotidiano New Zealand Herald, rilanciando anche video pubblicati sui social dai residenti dell’isola.

Al momento, stando a quanto riferisce la testata, non ci sono notizie di vittime o feriti. La stessa Nuova Zelanda però, così come altri Stati insulari del Pacifico come le Figi e le Samoa Americane, hanno lanciato un allarme tsunami. Gli abitanti degli arcipelaghi sono stati esortati ad allontanarsi dalla spiagge e più in generale dalla costa.

A provocare l’onda anomala è stata l’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Ha’apai, situato sull’omonima isola, territorio delle Tonga. La colonna di fumo prodotta dall’eplosione è ha superato i 17 chilometri di altezza. Come si può osservare da diversi filmati pubblicati sui social media dai suoi residenti, l’eruzione ha causato un pioggia di cenere che sta colpendo anche la capitale Nuku’alofa, distante circa 70 chilometri dal vulcano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»