Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

M5s, lo sfottò di De Luca: “Di Maio, Fico e Di Battista? Tre mezze pippe”

De Luca spara a zero sui 5 stelle: "Questi sono tre miracolati che hanno sfruttato l'onda grillina, quando si erano candidati con la loro faccia erano stati tutti bocciati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dalla vicenda di Roma possiamo trarre una valutazione compiuta “sulla qualità e sulla competenza dei dirigenti di questo grande movimento. Abbiamo visto emergere un trio. Già li avevamo visti nella vicenda di Quarto. Li abbiamo visti appollaiati sui trespoli: il Di Battista, il Luigino Di Maio e il Fico. Oggi si rivelano all’Italia nelle vesti proprie: Luigino Di Maio il Chierichetto, Fico il Moscio, ovviamente, e l’emergente Di Battista detto, ‘Dibba’, il Gallo cedrone. Ognuno adesso ha trovato il suo ruolo in commedia, la sua parte in commedia”. Lo dice il presidente della regione Campania in un video pubblicato su facebook in cui attacca i tre membri del direttorio 5 stelle: “Tre mezze pippe” che “si odiano“.

“Il Gallo cedrone- prosegue- è venuto nel suo tour da centauro anche in Costiera Amalfitana. Questo ha preso a pretesto il referendum per andare a farsi il bagno, andare in giro. Si è presentato qui come un centauro, si  tolto il casco e, mi dicono, aveva la bandana… ma che meraviglia. L’Italia dovrebbe essere diretta da questi signori“. Non usa mezzi termini il governatore della Campania: “Che cosa hanno in comune questi tre giovanotti: che sono tre mezze pippe. Che quando si sono candidati con la loro faccia, non 50 anni fa ma 3-4 anni fa sono stati bocciati tutti quanti. Fico in Campania, Luigino a Pomigliano (56 voti) e Di Battista, ho letto, si era candidato in una municipalità di Roma: bocciato pure lui. Questi sono tre miracolati che hanno sfruttato l’onda grillina“. Ma, insiste, “la cosa drammatica è immaginare che questi soggetti possano avere in mano l’Italia”. E, dice ancora, “la finiscano con questa ipocrisia insopportabile. Questi tre si odiano. Si abbracciano e si baciano… sono falsi come Giuda. Se guardate qualche foto presa a tradimento vedete che si guardano come… ognuno vorrebbe accoltellare alla schiena l’altro… falsi come Giuda però in pubblico baci e abbracci… che vi possano ammazzare tutti quanti”.

di Vittorio Di Mambro, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»