Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Quirinale, Prodi: “Non si può torcere la Costituzione, deciderà Draghi”

Prodi boccia l'idea del 'semipresidenzialismo di fatto' lanciata da Giorgetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Draghi al Quirinale, come suggerisce Giorgetti, pur ‘torcendo’ la Costituzione? Romano Prodi a ‘Il Caffè della Domenica’, su Radio24, risponde così: “Non si può torcere la Costituzione con un’intervista. Dovrà essere Draghi a decidere, se è meglio il suo contributo per il Paese nell’essere un anno di più nel potere diretto del presidente del Consiglio o avere per sette anni l’autorità che ha il presidente della Repubblica. Non è un’alternativa molto semplice ma tocca la persona e non potrà che decidere Draghi“.

Un lockdown solo per i no vax, come in Austria? Romano Prodi è perplesso. Intervistato da Maria Latella, su Radio24, dice: “È difficile da applicare, io dico che quando c’è una pestilenza ci vorrebbe il vaccino obbligatorio. Di fronte alla casa che brucia si chiamano i pompieri. La logica di isolare chi non fa il vaccino perché fa male agli altri è giusta, ma quello che vogliono fare gli austriaci, mi pare complicato. Comunque- taglia corto Prodi- dobbiamo pur finirla con questa pandemia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»