hamburger menu

Tg Politico Parlamentare, edizione del 7 luglio 2022

Si parla delle tensioni tra Draghi e Conte; della resistenza ucraina e di Boris Johnson; dell’allarme lanciato dal Garante della Privacy; di aborto: l'Ue è contro la Corte Usa

07-07-2022 17:37
Tg Politico Parlamentare
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

DOPO L’INCONTRO DRAGHI-CONTE ANCORA TENSIONI

La tregua siglata ieri tra Mario Draghi e Giuseppe Conte tiene comunque la maggioranza in allarme. Il leader del Movimento ha sollecitato “risposte concrete entro luglio” e consegnato al premier un documento in 9 punti con le richieste politiche. Oggi i grillini assicurano il loro sostegno alla fiducia al decreto aiuti alla Camera, ma lasciano in sospeso il comportamento che terranno in Senato che esaminerà il testo entro il 16 luglio. Sul fronte leghista parla il ministro dello Sviluppo Economico. “Ius scholae e cannabis non c’entrano nulla con il governo ma sono iniziative di partito su cui siamo contrari”, avverte Giancarlo Giorgetti che annuncia le barricate: “Ci opporremo con tutti i mezzi possibili”. Intanto Carlo Calenda presenta il Comitato di garanzia dei liberali e spara a zero su M5s e Di Maio. Per il leader di Azione “i 5 Stelle sono un pericolo per la sicurezza del Paese e devono essere esclusi dal prossimo governo”.

RESISTENZA KIEV, TERREMOTO POLITICO NEL REGNO UNITO

Continua la resistenza ucraina nel Donbass. L’esercito di Kiev sta respingendo gli assalti alle due città chiave, Sloviansk e Kramatorsk, obiettivi strategici di Mosca per assicurarsi l’intera regione. Dal ministro degli esteri russo Sergej Lavrov arriva un attacco all’Occidente, colpevole a suo dire “della della morte dei civili per la fornitura di armi a Kiev”. Intanto è bufera su Boris Johnson, costretto a lasciare la guida dei conservatori britannici. Ora si lavora alla transizione verso un nuovo premier. La decisione di Johnson arriva dopo la fuga di quasi 60 membri di governo.

MINORI E SOCIAL, L’ALLARME DEL GARANTE DELLA PRIVACY

Il Garante della privacy è in prima linea nella tutela dei minori. Durante la presentazione della relazione annuale l’Autorità assicura che continua l’azione di vigilanza sull’età di iscrizione ai social. L’Autorità ha imposto a Tik Tok misure per tenere fuori dalla piattaforma gli utenti giovanissimi e ha sanzionato per 20 milioni Clearview, società specializzata in riconoscimento facciale. Altro fronte è quello della tutela dei consumatori. Il Garante è intervenuto contro il telemarketing aggressivo con l’applicazione di sanzioni per 38 milioni nel 2021. Il Garante infine segnala l’alto numero di attacchi informatici e chiede alle pubbliche amministrazioni e alle imprese maggiori investimenti in sicurezza.

ABORTO, L’UE CONTRO LA CORTE USA: “È UN DIRITTO”

Il parlamento europeo prende posizione sull’aborto dopo la decisione della Corte Suprema degli Usa di non riconoscere l’interruzione di gravidanza come un diritto. Dalla Plenaria di Strasburgo arriva il via libera a una risoluzione che “condanna fermamente la regressione in materia di diritti delle donne e di salute sessuale” e propone di inserire il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali della Ue. Ieri un’altra decisione destinata a far discutere. Il Parlamento europeo ha incluso l’energia nucleare e il gas nell’elenco delle attività sostenibili.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-07T17:37:47+02:00