Lecce, scaricati in strada 8 quintali di legna infettata dalla Xylella

Coldiretti Puglia: "Protesta a oltranza contro irresponsabilità della Regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Hanno scaricato dinanzi alla sede dell’ufficio provinciale agricoltura di Lecce otto quintali di legna ottenuta da alberi colpiti da xylella. È la protesta degli agricoltori che si apprestano a manifestare sabato prossimo a Lecce. Per Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce, la singolare forma di protesta “e’ un gesto estremo contro chi non vuole dare risposte concrete alle imprese olivicole, ai frantoiani e ai vivaisti”, dice. “I nostri agricoltori – continua – vogliono piantare ulivi per potersi garantire un reddito, dare lavoro agli operai e dare olive ai frantoi che non hanno piu’ prodotto da molire”.

Assieme agli olivicoltori, a soffrire la crisi provocata dal batterio sono i vivaisti che “prima sono stati bloccati erroneamente nella loro movimentazione – spiega Cantele – poi, hanno dovuto sottostare alla pratica di termoterapia con aggravio di costi senza alcun aiuto regionale”. “L’assessore regionale Di Gioia, non ha ancora chiesto – ha incalzato il presidente di Coldiretti Brindisi, Filippo De Miccolis – la deroga alle norme nazionali per consentire la movimentazione nella sola area infetta delle piante prodotte dai vivai”” Coldiretti scendera’ sabato prossimo in piazza a Lecce, a difesa del mondo agricolo pugliese.

di Alba di Palo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»