Trivelle, Ciambetti: “Votare sì è legittima difesa”/VIDEO

VENEZIA - Un grosso sì rosso su fondo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

veneto_trivelle

VENEZIA – Un grosso sì rosso su fondo azzurro, sotto una fascia gialla che evidenzia l’hashtag #stoptrivelle. Questo il simbolo del comitato promotore del referendum stop trivelle del prossimo 17 aprile, presentato oggi a Roma alla Camera dei deputati dal presidente del consiglio regionale veneto Roberto Ciambetti. “Nove regioni tra cui il Veneto chiedono ai cittadini di dire il loro Sì per difendere il mare da campagne di sfruttamento di eventuali pozzi petroliferi che possono mettere a rischio l’ambiente, colpendo in modo irreparabile il delicatissimo habitat dei nostri mari e per quanto riguarda i veneti il delta del Po, le spiagge, la laguna e Venezia” ha dichiarato Ciambetti, concludendo: “vogliamo difendere questo patrimonio? Sì”.

Questa mattina a Roma, a margine della conferenza stampa delle Regioni e del Comitato per il ‘sì’ al referendum, Ciambetti ha dichiarato alla Dire: “Votare il 17 aprile è un atto di legittima difesa, per difendere il nostro turismo, il nostro ambiente, le nostre coste e la nostra pesca, ma anche le prerogative degli enti locali”. E ha aggiunto: “Poter difendere un’economia turistica che viene sempre indicata come il futuro dell’Italia è assolutamente indispensabile per evitare danni causati da queste estrazioni che arriverebbero in maniera non controllata, senza i piani d’area, che porterebbero sicuramente nocumento all’economia delle Regioni, all’economia e alle casse dello Stato. E’ assurdo- conclude- perseguire questa politica energetica che non ha assolutamente futuro”.

di Fabrizio Tommasini e Roberto Antonini

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»