Corruzione tra funzionari pubblici e imprenditori, dieci arresti a Roma

Sequestro preventivo per un valore di oltre nove milioni di euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dalle prime ore di questa mattina agenti della Sezione “Anticorruzione” della Squadra mobile della Polizia, stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma, nei confronti di 10 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, turbata libertà degli incanti e truffa ai danni dello Stato, nonché di reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto.

Raggiunti dalla misura restrittiva tre imprenditori operanti nel settore dell’edilizia, manager privati e Funzionari Pubblici dell’Agenzia delle dogane e monopoli.

L’operazione di oggi rappresenta la sintesi di un’articolata attività investigativa, svolta, sotto l’egida della Procura della Repubblica di Roma, dalla Squadra Mobile -congiuntamente all’Ufficio Antifrode dell’Agenzia delle Entrate, che ha interessato, tra l’altro, i rapporti illeciti tra un gruppo imprenditoriale della Capitale e alcuni funzionari pubblici nell’aggiudicazione degli appalti relativi alla gestione e ristrutturazione di immobili di proprietà del fondo di previdenza del Mef.

Contestualmente, con la collaborazione dell’Ufficio Antifrode dell’Agenzia delle Entrate, viene data esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo per un valore di oltre 9 milioni di euro. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»