Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bonaccini inaugura il Pavaglione di Lugo restaurato

Dopo sei mesi di lavori il quadriportico settecentesco con al centro piazza Mazzini è stato interamente restaurato e riqualificato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha tagliato il nastro del Pavaglione di Lugo. Dopo sei mesi di lavori il quadriportico settecentesco con al centro piazza Mazzini è stato interamente restaurato e riqualificato.

Gli interventi sono stati, resi possibili anche al contributo finanziario della Regione Emilia-Romagna, che ha messo a disposizione 450.000 euro, circa il 70% dell’investimento totale di 670.000.

“Quest’intervento ha valorizzato e reso ancora più bello un autentico gioiello dell’architettura civile settecentesca qual è il Pavaglione- ha ricordato il presidente della Regione- Ai cittadini e a tutta la comunità di Lugo oggi viene ‘riconsegnato’ un luogo simbolo, per il passato e il presente della città, accresciuto in termini vitalità e funzionalità. Per i turisti rappresenta sicuramente un elemento d’attrattività in più, in una regione ricca anche dal punto di vista storico e artistico”. Il Pavaglione è classificato e protetto come monumento dal ministero dei Beni culturali. I finanziamenti regionali per l’area del Pavaglione sono stati assegnati attraverso un bando che ha premiato venti Comuni in Emilia-Romagna.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»