Povertà, Bernaudo: “Si combatte con il lavoro, non con il reddito di inclusione”

Per diminuire la povertà "non servono sussidi statali, ma serve lavoro e quindi politiche espansive verso chi può offrirlo, cioè le imprese"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gli unici beneficiari di un reddito minimo di sopravvivenza garantito dallo stato debbono essere coloro che, per motivi oggettivi e verificabili, siano inabili al lavoro”. Così dichiara il presidente di SOS partita IVA, Andrea Bernaudo, dalla pagina facebook dell’associazione, sul decreto approvato dal Governo sul cosiddetto “reddito d’inclusione”.

“Per il resto, cioè per diminuire la povertà non servono sussidi statali- prosegue Bernaudo- ma serve lavoro e quindi politiche espansive verso chi può offrirlo, cioè le imprese. Riduzione strutturale (e non a tempo) della pressione e del cuneo fiscale su tutte le attività produttive e le partite IVA. Questa è la soluzione che serve all’Italia. Il governo invece-  conclude Bernaudo- va in un’altra direzione”.

LEGGI ANCHE Reddito di inclusione, ecco come funziona e chi può fare domanda

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»