Napoli, Sorbillo apre le porte ai rifugiati: “La mia pizzeria è antirazzista”

Per Gino Sorbillo la pizza può essere uno strumento di inclusione e per questo stamattina ha aperto le porte della sua pizzeria a un gruppo di migranti del progetto Sprar di Caserta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il pericolo non arriva dai migrati, anche loro sono vittime di pregiudizi, violenze, atti vandalici e sfottò continui. La cultura dell’odio non fa parte del centro storico di Napoli e qualsiasi atto di violenza o episodio di razzismo va respinto. Il mio locale è aperto a tutte le cultura e a tutti i colori della pelle”. Per Gino Sorbillo la pizza può essere uno strumento di inclusione e per questo stamattina ha aperto le porte della sua pizzeria a un gruppo di migranti del progetto Sprar di Caserta che, attraverso un piano per l’inclusione sociale bilaterale, promuovono tirocini formativi e corsi anche per insegnare ai rifugiati l’arte della pizza napoletana.

Sorbillo ha invitato i migranti a visitare il suo storico locale in via Tribunali prima di offrire a tutti loro una pizza margherita. “Gino – spiegano i referenti del progetto Sprar di Caserta – sta lanciando un importante messaggio umano e solidale che raggiunge tutto il mondo. Alla violenza e all’odio, allo sfruttamento della criminalità organizzata di cui sono vittime migliaia di lavoratori, al razzismo sempre più sdoganato, rispondiamo con unità e a testa alta”.

Sorbillo si è detto disponibile “a condividere” la propria arte “con questi ragazzi che mi hanno dimostrato di avere un grande cuore. Da chi ci mette anima, sentimento e forza di volontà, non può che venir fuori una pizza straordinaria”, ha spiegato il pizzaiolo rivolgendosi ai 3 migranti che svolgono il tirocinio formativo in una pizzeria di Caserta.

“Siamo molto emozionati di quest’esperienza”, hanno detto i tre giovani apprendisti pizzaioli, anche loro beneficiari del progetto Sprar e inseriti in un percorso di inserimento lavorativo. “Sono strumenti fondamentali – assicurano i mediatori culturali dello Sprar – per il riscatto e la crescita dell’individuo e del territorio. Gino Sorbillo lo rimarca spesso, questa pizza contro il razzismo unisce i cuori e abbatte le frontiere”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»