Welfare

Sì a corsi di aggiornamento in Questura dopo che il cane della non vedente era rimasto fuori dal Commissariato

ROMA – Si faranno i corsi di aggiornamento per il personale delle Questure, evitando che si ripetano i casi come quello di A. A., non vedente, il cui cane guida non è stato fatto entrare nei giorni scorsi al commissariato Tuscolana, a Roma (Leggi qui la storia). Il fatto ha scatenato forti polemiche, portando ad un incontro allo stesso commissariato con rappresentanti della Blindsight Project, una Onlus per disabili sensoriali, nata a marzo 2006, con sede legale a Roma e iscritta al Registro Volontariato Regione Lazio. Presente all’incontro anche Ada Orsatti di Aila.

ciechi in questura

“L’incontro è andato bene- racconta all’agenzia Dire Simona Zanella, socia di Blindsight Project- Abbiamo parlato con una responsabile della Questura, proponendo corsi di aggiornamento per i dipendenti. E la risposta è stata positiva”. Mettendo da parte le polemiche “abbiamo pensato a creare una cosa positiva da un fatto negativo. Abbiamo quindi proposto corsi di formazione per il personale che ha rapporti con il pubblico. La proposta verrà presa in considerazione, tutti volevamo questo”, anche A. A. “che mentre eravamo lì ha ribadito la sua posizione per cercare di costruire qualcosa di buono”. Un soluzione positiva, quindi. Sensibilizzare più persone, soprattutto chi ha rapporti con il pubblico al problema della disabilità, è un grande risultato: “Lunedì la presidente di Blindsight Projec Laura Raffaeli incontrerà la responsabile di un ufficio della questura centrale di Roma per questo. L’ignoranza è molta nel mondo della disabilità, c’è bisogno di fare formazione”.

di Adriano Gasperetti – Giornalista professionista

24 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»