Politica

Padoan contro le fake news: “Mai detta quella frase, da Libero una bufala”


ROMA – “Gentile signora, la risposta è ‘no’. Se vuole, legga in questa analisi come si diffondono #bufale così”. Così il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, su Twitter, risponde a un messaggio in cui gli viene chiesto se ha veramente affermato che le “pensioni ci costano troppo perché gli italiani muoiono troppo tardi”.

Questa presunta dichiarazione era stata pubblicata dal quotidiano ‘Libero’ in prima pagina con un commento del direttore Vittorio Feltri. Padoan posta un link al blog del suo portavoce Roberto Basso che definisce questa operazione una vera “manipolazione”, dove viene messo tra virgolette un ragionamento che il ministro non ha mai fatto.

La prima pagina di mercoledì scorso di ‘Libero’, infatti, nasce dall’intervista di Padoan a Radio Anch’io quando il ministro aveva risposto a una domanda sulla possibilità di interrompere l’adeguamento automatico dell’età pensionabile all’aspettativa di vita della popolazione. Il ministro, in sostanza, aveva ricordato come quel meccanismo fosse previsto da una legge concordata a livello europeo e che già altre misure fossero comunque previste per consentire l’uscita anticipata.

Sul suo blog il portavoce osserva come le fake news e la manipolazione dell’opinione pubblica non siano dunque solo un prodotto di “hacker e di specialisti”, di “nemici esterni”, ma appunto anche frutto di un “intreccio di mezzi di informazione tradizionali, siti di pseudo-informazione, social media” dove una “pseudo-notizia” viene trasformata “in un dato di fatto”.

di Luca Monticelli, giornalista professionista

22 ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»