Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, Valente (Pd): “Questi sono giorni cruciali contro violenza sulle donne”

Con un video postato su Fb la presidente della Commissione di inchiesta sul Femminicidio ricorda che si può denunciare al numero 1522, ma anche via mail, chat o App
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un video per invitare le donne vittime di violenza a non mollare e a continuare a denunciare, anche da recluse in casa. Lo ha postato sul suo profilo Facebook la senatrice del Pd, Valeria Valente, presidente della Commissione di inchiesta sul Femminicidio, spiegando che si può denunciare anche via mail, via chat e tramite App. Così in una nota stampa. “In questi giorni le denunce al 1522 si sono dimezzate – spiega Valente – perché per le donne abusate è difficile anche telefonare, con il loro persecutore in casa. Ma non si devono arrendere, a questo le invitano tutte le associazioni.

Noi come Parlamento – conclude – presenteremo emendamenti al dl “Cura Italia” per dotare i centri antiviolenza e le case rifugio di fondi aggiuntivi e dedicati e anche di presidi sanitari: mascherine, disinfettanti e l’aiuto di medici. Per evitare tragedie dobbiamo mettere in condizioni queste strutture di riaprire l’accoglienza e predisporre soluzioni alternative, come gli alberghi o l’allontanamento del maltrattante. Dobbiamo intervenire in modo tempestivo”. Ecco qui il link al video.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»