Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trapianto multiorgani a Matera, due lucani di 35 e 55 anni i beneficiari

Il prelievo è stato effettuato nelle sale operatorie dell'ospedale Madonna delle Grazie su di un uomo di 65 anni della provincia di Matera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Nelle sale operatorie dell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera è stato effettuato un prelievo multiorgano a scopo di trapianto su di un uomo di 65 anni della provincia di Matera. Lo rende noto l’ufficio stampa dell’Azienda sanitaria del materano.

L’équipe dei medici, giunta da Roma, città dove è stato eseguito l’intervento, ha prelevato e trapiantato con successo il fegato e i reni a due lucani di 35 e 55 anni.

“L’importante risultato clinico – si legge nella nota – è stato conseguito grazie al lavoro di tutto l’ospedale: direzione Sanitaria, neurologia, laboratori, personale di sala operatoria, équipe della terapia intensiva generale. Un ruolo non secondario ha svolto il coordinamento trapianti Regione Basilicata”.

Il direttore generale dell’Asm Joseph Polimeni ha ringraziato tutti gli operatori sanitari e la famiglia del donatore, sottolineando che “si tratta di un gesto di grande altruismo e umanità, assunto dai familiari in un momento di immaginabile sofferenza, che è un esempio da emulare. L’organizzazione della rete sanitaria coinvolta si conferma ancora una volta efficiente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»