Firenze, arresti e denunce. Nardella: “Troviamo i veri responsabili”

Il giorno dopo i violenti scontri in piazza della Signoria, parla il sindaco di Firenze Dario Nardella
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – A Firenze stamane erano gia’ quattro gli arresti e venti le denunce per le “violenze gratuite” della scorsa notte, ma il sindaco Dario Nardella e’ sicuro che grazie alle telecamere “saremo in grado di individuare molti altri responsabili”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Cariche, scontri, lanci di sassi e bottiglie: guerriglia a Firenze al corteo contro le chiusure

Rispondendo stamane alle domande dei cronisti sui fatti di ieri notte in centro, il primo cittadino fiorentino se la prende con chi “sfrutta questa tensione per gettare ancora di piu’ le persone nel panico”, e parla di “violenza gratuita perpertrata sul dolore di migliaia di persone che in questi giorni manifestano pacificamente il disagio, la sofferenza il dolore”.

Le violenze, prosegue Nardella, sono arrivate da un “gruppo di facinorosi, di teppisti, melassa di frange estreme di anarchici, ultras che spero siano opportunamente individuati”. Perche’, “nulla hanno a che fare con le manifestazione pacifiche e democratiche di tante persone in questi giorni”. Quelle scene, manda a dire, “non si devono vedere nelle nostre citta’ e si deve arrivare ai veri responsabili”, perche’ “chi ha elaborato e promosso il volantino” che chiamava a una manifestazione “non autorizzata” e lo ha fatto “mantenendo l’anonimato, sapeva a cosa andava incontro”.

Per il primo cittadino della citta’ del Giglio “sono chiamate alle armi che poi mettono a ferro e fuoco le nostre citta’”, e quindi “chi lancia questi appelli a fare manifestazioni non autorizzate sa benissimo che con questi appelli crea momenti di destabilizzazione e innesca delle micce pericolose”.

Di certo, analizza poi Nardella, “Firenze ha reagito, la situazione non e’ degenerata. Immaginate una molotov contro il David di Michelangelo o contro una persona per ferirla”. Dalla citta’ “c’e’ stato un messaggio compatto nessuno e’ uscito dal coro, guai ad avallare manifestazioni violente- ammonisce- e forse anche per questo il numero dei manifestanti era ridotto rispetto a quello che ci potevamo trovare“.

Intanto, su twitter Nardella pubblica delle foto del centro di Firenze risistemato e scrive: “La migliore risposta ai tafferugli di ieri sera, alla violenza gratuita: #Firenze questa mattina si e’ svegliata cosi’, semplicemente in ordine. Grazie a chi ha lavorato per sistemare tutto“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»