“Sono in Sicilia per comprare cassate”, ma aveva ottanta chili di hashish in auto

Percorreva l'autostrada A19 Palermo-Catania il 45enne napoletano scoperto e poi arrestato dagli agenti della squadra mobile palermitana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Percorreva l’autostrada A19 Palermo-Catania, in direzione del capoluogo siciliano, con a bordo dell’auto ottanta chili di hashish ma è stato scoperto e arrestato dagli agenti della squadra mobile palermitana e della polizia stradale di Buonfornello.

In carcere è finito Graziano Falanga, 45enne napoletano, bloccato mentre transitava nei pressi del casello autostradale di Buonfornello.

La droga, una volta immessa sul mercato, avrebbe fruttato oltre duecentomila euro. A insospettire i poliziotti l’atteggiamento nervoso dell’uomo e le motivazioni poco plausibili della sua presenza in provincia di Palermo. Agli agenti, infatti, ha raccontato di essere in viaggio verso il capoluogo siciliano per acquistare un grosso quantitativo di cassate siciliane che poi avrebbe dovuto rivendere in Germania.

A questo punto l’uomo è stato accompagnato negli uffici della Mobile, dove sono scattati i controlli sull’auto: la droga è stata fiutata dal cane ‘Yndira’, era nascosta sotto ai sedili anteriori e suddivisa in 74 confezioni sigillate con nastro adesivo da imballaggio e 68 panetti sfusi. Falanga, che dovrà rispondere di detenzione di droga ai fini di spaccio, è stato rinchiuso nel carcere Pagliarelli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»