Cisl e Fim Basilicata: “Il polo di Melfi abbia un ruolo centrale nell’accordo Fca-Psa”

"Sì alla fusione, ma salvaguardando le fabbriche e i posti di lavoro" è l'appello di Evangelista e Gambardella
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Sì alla fusione, ma salvaguardando le fabbriche e i posti di lavoro, con particolare riguardo a Melfi”. Così il segretario generale della Cisl Basilicata, Enrico Gambardella, e il leader della Fim Cisl Basilicata, Gerardo Evangelista, sul piano di aggregazione annunciato dai due costruttori che farebbe nascere il quarto gruppo mondiale per numero di veicoli venduti.

“Da tempo – spiegano Gambardella ed Evangelista – sosteniamo la necessità di un partner globale per raggiungere quella massa critica necessaria ad affrontare i cambiamenti strutturali che stanno cambiando in profondità il mercato automobilistico”.

In questo contesto, per i segretari di Cisl e Fim, “i lavoratori di Melfi possono giocare un ruolo determinante: in 25 anni hanno maturato competenze elevate e dimostrato di saper fare prodotti di qualità e di gamma medio-alta e ad elevata tecnologia.

Il polo di Melfi ha quindi le carte in regola per giocare un ruolo centrale anche nella futura architettura globale dell’alleanza Fca-Psa“. L’auspicio del sindacato “è che la salita produttiva possa essere la più rapida e sostenuta possibile in modo da consentire il ritorno in tempi brevi alla piena produzione e occupazione, investendo sulla formazione e sulla valorizzazione delle competenze dei lavoratori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»