Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Rubano i fiori”: i leghisti vogliono le telecamere nei cimiteri

In Emilia Romagna sono stati chiesti fondi alla Regione: "È una piaga"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Tolleranza zero, anche nei cimiteri. La Lega in Emilia-Romagna chiede telecamere anche tra fosse e tombini, “contro i ladri di fiori”. A portare il tema in Regione, alla vigilia del 2 novembre, è il consigliere Gabriele Delmonte, che ha presentato una risoluzione che invita la giunta Bonaccini “ad attivarsi per aumentare la sicurezza nei cimiteri e stroncare la piaga vergognosa dei furti di fiori sulle tombe”. Nella sostanza si chiede alla Regione di finanziare l’installazione di impianti di telecontrollo contro “vandalismi, borseggi e furti nei cimiteri”. Una pratica che secondo il consigliere regionale leghista è diffusa specialmente nel reggiano. “Nella provincia di Reggio Emilia sono innumerevoli gli episodi segnalati di vandalismi ai danni di sepolture, loculi ed ornamenti, e di furti di fiori, soprattutto in questo periodo dedicato alla commemorazione dei defunti. I casi più eclatanti e recenti in provincia sono avvenuti ai danni del cimitero monumentale di Reggio Emilia, del cimitero di Montecavolo, di San Polo d’Enza e di Rivalta”. Di qui l’appello alla Regione. “Se è vero che in questi giorni, con l’avvicinarsi delle ricorrenze di Ognissanti e del giorno dei morti, le forze dell’ordine intensificano i controlli per contrastare ladri di fiori e borseggiatori, nonché per presidiare le auto dei reggiani parcheggiate nei pressi dei campisanti, è anche vero che questo dispiego di forze non può essere protratto per la durata dell’intero anno. Pertanto, fra le misure idonee a scoraggiare delinquenti e profanatori sarebbe l’installazione di telecamere a circuito chiuso ed, eventualmente, di fototrappole collocate quantomeno nei cimiteri più grandi e frequentati dei comuni della provincia reggiana”. Ma l’allarme secondo i leghisti non riguarda la sola Reggio. Visto e considerato che “quella dei furti di fiori dalle tombe è, purtroppo, una vergognosa piaga diffusa in tutto il territorio regionale”, Delmonte chiede un impegno da parte della giunta “a prevedere nella prossima sessione di bilancio un aumento dello stanziamento dei fondi ai comuni, affinché provvedano ad installare impianti di videosorveglianza nei cimiteri più esposti a fenomeni criminosi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»