Tg Pediatria, edizione del 31 ottobre 2019

https://www.youtube.com/watch?v=rCIzHL2rJZQ&feature=youtu.be MAMMA NON MANGIO 'COSE VERDI', SELETTIVITÀ PUÒ ESSERE ARFID Bambini che non mangiano il verde, non mangiano il rosso, "selettivi, che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MAMMA NON MANGIO ‘COSE VERDI’, SELETTIVITÀ PUÒ ESSERE ARFID

Bambini che non mangiano il verde, non mangiano il rosso, “selettivi, che hanno problematiche sensoriali o che hanno paura di soffocare con il cibo, paura di vomitare, di avere mal di pancia”. Dal 2013 è possibile diagnosticare l’Arfid, “un nuovo importante disturbo da evitamento o restrizione alimentare, che compare spesso in età pediatrica”. A spiegarlo è il consigliere nazionale Sip Giuseppe Banderali.

TORNA CONGRESSO SISPE, IL 30 NOVEMBRE SUL BAMBINO SPECIALE

Torna a Roma il focus sul bambino speciale. Dopo il congresso Sispe 2018 che aveva affrontato le sfaccettature legate ai bambini migranti, in carcere o in casa famiglia, quest’anno il Sindacato italiano degli specialisti pediatri focalizza la giornata di studio a Roma sui piccoli “con bisogni esistenziali complessi”.

IN ITALIA MUOIONO 50 BIMBI L’ANNO PER INALAZIONE CORPI ESTRANEI

L’inalazione e la rimozione di corpi estranei dalle vie aero digestive è un’emergenza pediatrica. “Ogni anno in Italia ne muoiono quasi 50 bambini”. A dirlo è Sergio Bottero, past president Siop al XXV congresso nazionale a Roma.

GASTROENTERITE, PROBIOTICI RIDUCONO 70-80% DURATA DISSENTERIA

I probiotici vengono usati moltissimo in tutto il mondo. I risultati sono comprovati e l’utilizzo precoce “all’inizio dei sintomi riduce la durata della dissenteria di un giorno. Diminuisce notevolmente poi, tra il 70 e l’80%, la durata totale dei sintomi superiori a 3 giorni. L’efficacia di alcuni ceppi, dunque, è complessiva”. A dirlo è Alfredo Guarino, professore ordinario di Pediatria all’Università Federico II di Napoli.

MALATTIE NEUROMUSCOLARI, PUNTARE SU DIAGNOSI PRECOCE

Le malattie neuromuscolari hanno “un quadro sintomatologico estremamente variabile, dalle forme più gravi e più evidenti – anche nella fase neonatale – a quelle d’esordio più tardivo, con sintomi sfumati, difficili da cogliere, dove spesso serve veramente una valutazione neuroevolutiva molto accurata”. Per questa ragione, Carmelo Rachele, pediatra di famiglia e membro del board scientifico delle malattie neuromuscolari per il riconoscimento precoce, sottolinea l’importanza di una diagnosi tempestiva.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»