Legge di bilancio, Bernaudo: “Bene Fitto su emergenza total tax rate”

"Lo stato non può più continuare a massacrare di tasse e adempimenti chi produce", dice Bernaudo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Riteniamo significativo che anche il presidente di Direzione Italia, Raffaele Fitto, abbia lanciato l’allarme e dichiarato apprezzamento per la nostra battaglia contro l’oppressione fiscale sulle attività produttive“. Così il presidente di Sos partita Iva, Andrea Bernaudo, risponde alla dichiarazione di ieri di Raffaele Fitto.

“Lo stato non può più continuare a massacrare di tasse e adempimenti chi produce- continua Bernaudo- non è così che si fa crescere il Pil e aumentare il gettito per l’erario, si ottiene l’effetto contrario: bassa crescita, mortificazione della creatività imprenditoriale, chiusura e fuga delle aziende. Il primo tema che dovrà affrontare il prossimo governo è la drastica riduzione del total tax rate (al 64,8%), cioè dell’ammontare di tasse e contributi che gravano sulle attività produttive”.

“La nostra proposta è sul tavolo- riprende Bernaudo- seguire l’esempio delle economie liberali, riformare il sistema fiscale e premiare chi rischia e chi produce con una corporate tax sui ricavi del 15%. Serve una svolta culturale, un vero capovolgimento di linea economica e fiscale, una riforma necessaria e urgentissima in Italia. Noi ci battiamo per questo e siamo sicuri che Fitto contribuirà con Direzione Italia a questa difficile operazione politica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»