Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vicenza, i prezzi calano più che nel resto d’Italia

Si risparmia soprattutto su alberghi e ristoranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vicenza2

VENEZIA – A ottobre i prezzi al consumo nel Comune di Vicenza sono diminuiti di più rispetto alla media nazionale. Lo evidenzia il rapporto dell’Ufficio statistica del Comune di Vicenza, sostenendo che la diminuzione dei prezzi al consumo si assesta a -0,8% rispetto al mese precedente e a -0.4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Si tratta di dati “provvisori”, specifica l’Ufficio statistica comunale, in attesa dei dati ufficiali dell’Istat. Rispetto a settembre 2016, calano molto i prezzi dei servizi ricettivi e di ristorazione (-5,8%), e i trasporti (-0,4%).

Aumentano invece i costi per “l’abitazione, acqua, elettricità e combustibili” (0,5%), mentre restano invariati i prezzi di bevande alcoliche e tabacchi, servizi sanitari e istruzione. Rispetto ad ottobre 2015, invece, bevande alcoliche tabacchi, spese per la salute, istruzione e attività ricettive e di ristorazione aumentano invece rispettivamente dell’1,5%, dello 0,3%, dello 0,3% e dello 0,5%. L’Istat, intanto, presenta i dati provvisori nazionali aggiornati ad ottobre 2016, registrando una diminuzione media dei prezzi pari a -0,1% su base annua, che si traduce in un aumento dei prezzi del 0,2% rispetto a settembre 2016.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»