Pompei, Gorga (Campania Libera): “Su gestione siti intervenga Franceschini”

La candidata al Consiglio regionale della Campania è convinta che "la Soprintendenza di Pompei non riesca a garantire una gestione delle aree e dei servizi di accoglienza e assistenza per i turisti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Da settimane nei siti archeologici dell’area vesuviana, da Pompei a Torre Annunziata, si registrano disservizi, negligenze, falle nella sicurezza. La Soprintendenza di Pompei sembra non riesca a garantire una gestione delle aree e dei servizi di accoglienza e assistenza per i turisti, in una fase peraltro, gia’ difficile e incerta, per il settore. Auspico un intervento del ministro Franceschini per superare le criticita’ attuali“. Lo afferma Clelia Gorga, candidata al Consiglio regionale della Campania con la lista Campania Libera.

“Episodi che vanno – spiega Gorga – dall’intrusione negli Scavi la settimana scorsa di un clochard poi trovato a dormire nei bagni del parco archeologico, alla disavventura capitata ad una giovane turista disabile, sempre pochi giorni fa, rimasta bloccata al tempio di Venere per ore sotto al sole a causa di un ascensore fuori servizio, poi riattivato dal custode solo dopo l’intervento dei carabinieri. Mentre ad Oplonti, nell’area archeologica di Torre Annunziata, si mandano via i visitatori perche’ mancano termoscanner, igienizzanti e la modulistica richiesta dalle norme anti-Covid. Insomma – conclude Gorga – non e’ cosi’ che facciamo ripartire il turismo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»