Un vasto incendio divampa a Maratea, lambite alcune abitazioni a Cersuta

Sarebbe stato generato da diverse sterpaglie che hanno preso fuoco in punti differenti. É in corso un'indagine per risalire alle cause
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Un vasto incendio e’ divampato a Maratea in localita’ Ogliastro, nella frazione di Cersuta, dove dalle prime luci dell’alba sono impegnate diverse squadre dei vigili del fuoco. Le fiamme hanno lambito alcune abitazioni della zona.
L’incendio sarebbe stato generato da diverse sterpaglie che hanno preso fuoco in punti differenti. Sul posto anche la protezione civile. È in corso un’indagine da parte dei carabinieri e della polizia locale per risalire alle cause dell’incendio.

Per domare l’incendio a Maratea e’ intervenuto personale dei vigili del fuoco dei distaccamenti di Lauria, Terranova del Pollino, San Chirico Raparo e della sede centrale, impegnato fin dalla scorsa notte. Predisposto gia’ l’intervento aereo con il coinvolgimento del direttore delle operazioni di spegnimento (DOS) in modo da inoltrare la richiesta alle prime ore dell’alba. Da questa mattina, inoltre, opera un canadair in supporto a squadre operanti a terra con tre autopompe, quattro fuoristrada e un’autobotte per un totale di diciassette unita’. L’incendio e’ ancora attivo. I vigili del fuoco fanno sapere che nelle ultime ventiquattro ore sono stati quarantaquattro gli interventi effettuati in provincia di Potenza, di cui trentasei solo di incendi boschivi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»