Roma, al via le ‘Ponyadi’. Marzetti: “Giovani e sport al centro”

https://www.youtube.com/watch?v=u8vhEA1Ljfw&feature=youtu.be ROMA - Inaugurata la tredicesima edizione delle Ponyadi ospitata a Roma all'ippodromo Generale Giannattasio dei Lancieri di Montebello. Sono arrivati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Inaugurata la tredicesima edizione delle Ponyadi ospitata a Roma all’ippodromo Generale Giannattasio dei Lancieri di Montebello. Sono arrivati più di 1.300 partecipanti, fra cavalieri e amazzoni, da 19 regioni d’Italia, 1.100 pony, tutti rigorosamente al di sotto dei 149 centimetri come da regolamento, che si sfideranno in 17 discipline diverse.

Si va dal volteggio al cross country, passando per l’horse ball, il polo, l’endurance, ma anche la gimkana 2 e il jump, con ostacoli da 40 cm.

“Questa è la festa nazionale delle famiglie che amano i pony e i cavalli, l’abbiamo chiamata Ponyadi perché la interpretiamo come i giochi giovanili di tutta l’attività ludica della federazione”, ha dichiarato Marco Di Paola, presidente Fise, Federazione italiana sport equestri.

“Sono rappresentate tutte le discipline della federazione italiana sport equestri. Questo è uno sport che trasmette dei valori fondamentali per dei ragazzi, come quelli che sono qui, dagli 8 ai 14 anni. Abbiamo la fortuna di avere questi meravigliosi compagni di sport che sono il cavallo e il pony- ha sottolineato Di Paola- che diventano compagni di giochi e di vita per questi ragazzi che sono qui”, ha aggiunto Di Paola.

Il cavallo come compagno di sport, ma anche come compagno di vita, talmente prezioso da essere un valido aiuto anche a livello terapeutico “per tanti ragazzi che hanno disagi fisici o mentali. Noi abbiamo un compito importante: quello di crescere i ragazzi delle famiglie, abbiamo una responsabilità enorme, noi formiamo istruttori che devono essere competenti, pedagogicamente preparati e moralmente incorruttibili. Con il Garante dell’infanzia della Regione Lazio Jacopo Marzetti- ha concluso- stiamo lavorando ad un progetto per aprire uno sportello insieme all’Associazione regionale psicologi per prevenire qualsiasi caso di maltrattamento ai minori”.

PONYADI, MARZETTI (GARANTE INFANZIA): GIOVANI E SPORT AL CENTRO

“La presenza delle istituzioni è importante perché per tanti anni giovani e sport sono stati dimenticati, mentre adesso sono rientrati al centro dell’attenzione ed è importante investire su questi valori, sui ragazzi e sullo sport”. Lo ha dichiarato alla Dire Jacopo Marzetti, Garante dell’Infanzia della Regione Lazio, durante la tredicesima edizione delle ‘Ponyadi’, organizzati dalla Fise, la Federazione italiana sport equestri, all’ippodromo Generale Giannattasio dei Lancieri di Montebello in via Tor di Quinto.

“Sono ragazzi dai 4 ai 14 anni- ha continuato- provenienti da 19 regioni italiane, lo spirito che li anima è molto bello perché c’è la voglia di competere, ma anche quella di stare insieme condividendo valori e principi. Per questi ragazzi è molto educativo avere questo rapporto con il cavallo, doverlo curare, sentire e cercare di comprendere le sue sensazioni, le sue emozioni permette loro di crescere e responsabilizzarsi”.
In molti potrebbero pensare che l’equitazione sia uno sport per ricchi, ma in realtà “oggi, rispetto a tanti anni fa, non è più appannaggio solo di chi ha le possibilità economiche, ma si sta aprendo ad una platea sempre più ampia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»