E il cane-poliziotto Leo dà la zampa ad Angela Merkel/FOTO

Prima dell'incontro plenario coi 10 ministri dei due Paesi, Merkel e Renzi hanno stretto la mano a chi sta lavorando nella zona del sisma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

cane_leo_merkel3

MARANELLO (Modena) – E il cane Leo dette la zampa a Merkel e Renzi. C’è anche una nota di colore nel breve incontro, davanti alla sede della Ferrari di Maranello, in provincia di Modena, tra la cancelliera tedesca, Angela Merkel, il premier italiano Matteo Renzi e alcuni rappresentanti dei i militari, la Protezione civile e i vigili del fuoco, la croce rossa, la Guardia forestale, gli avieri che si sono spesi in questi giorni in centro Italia per il terremoto del 24 agosto. Prima dell’incontro plenario coi dieci ministri dei due Paesi, per il vertice bilaterale, infatti, i leader hanno stretto la mano a chi sta lavorando nella zona del sisma. Tra loro c’era anche il cane Leo, appartenente alla Polizia di Stato, famoso per aver salvato la piccola Giorgia.

Il suo istruttore ha mostrato a Renzi e Merkel come farsi dare la zampa ed entrambi si sono cimentati nel gesto, col cane che ha immediatamente risposto. Dopo un breve colloquio con gli agenti e i volontari, e un paio di foto di gruppo, i due leader si sono avviati verso il summit. Qui Renzi ha ripetuto ‘zampa’ a Leo, che però è rimasto fermo, suscitando l’ilarità del presidente del Consiglio.

di Angela Sannai, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»